Malocclusione, cervicale ed emicrania

Forum per le persone che soffrivano di altri disturbi che non siano mal di testa o le conseguenze di un colpo di frusta.

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania - nuovi sviluppi

da admin » mercoledì 21 ottobre 2009, 21:36

ciao Rocco grazie della tua storia.
ti posso dare 2 consigli: farti controllare la posizione dell'atlante da un esperto. se le contratture non sono eccessive, anche un osteopata dovrebbe essere in grado di dirti se è diritto oppure no, se sei un caso un po contratto allora il parere di un osteopata diventa molto relativo poiche sentire l'atlante non è affatto semplice, se chiedi a 10 terapisti ognuno ti dice una cosa differente. un atlantotecnico ha molta piu esperienza e la capacita di darti una valutazione moolto piu attendibile. in alternativa puoi fare una tac multislice.
Se il tuo atlante è disallineato ti posso solo consigliare di fartelo correggere al piu presto. tutti o una buona parte dei disturbi potrebbero migliorare o sparire.
il secondo consiglio e questo: la malocclusione influenza parecchio la postura come puoi leggere qui: malocclusione

Per correggere la malocclusione cerca in rete Bionator, senza dover apportare modifiche ai denti è possibile correggere la malocclusione.
Quando atlante e mandibola sono a posto di solito i disturbi si sono dileguati come neve al sole, senza bisogno di nient'altro.
sperando di esserti stato di aiuto di saluto

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano (Aldous Huxley)

Molte persone devono la loro vita alle medicine, per esempio i farmacisti!

Soffri di vertigini, cefalea muscolo-tensiva o emicrania?
Avatar utente
Site Admin
 
Messaggi: 616
Iscritto il: giovedì 20 dicembre 2007, 9:40

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania - nuovi sviluppi

da rocco_the_rider » giovedì 22 ottobre 2009, 13:03

grazie per il tuo consiglio.
Infatti oggi il mio osteopata, che conosce il vostro metodo, mi controllera' l'atlas e se e' evidentemente fuori posto vedro' Marita Hess (mi e' piu' comodo).
Credo, tuttavia, che se non intervengo rapidamente anche sulla malocclusione, l'asimmetria muscolare mi riportera' rapidamente l'atlas in posizione errata (se lo e').
Do un'occhiata al metodo che suggerisci.
grazie

rocco_the_rider
 

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania - nuovi sviluppi

da admin » giovedì 22 ottobre 2009, 13:15

Atlante e mandibola si influenzano leggermente a vicenda ma l'atlante non diventa di certo disallineato a causa della malocclusione. sono 2 problemi separati.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano (Aldous Huxley)

Molte persone devono la loro vita alle medicine, per esempio i farmacisti!

Soffri di vertigini, cefalea muscolo-tensiva o emicrania?
Avatar utente
Site Admin
 
Messaggi: 616
Iscritto il: giovedì 20 dicembre 2007, 9:40

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania - nuovi sviluppi

da ROBY » giovedì 19 novembre 2009, 20:14

>>> salve, mi chiamo roberta e leggendo il forum vorrei gentilmente
>>> chiedervi
>>> un parere su un problema che ho da 1 anno.Circa 1 anno fa infatti ho
>>> iniziato
>>> ad avere dei sintomi di disequilibrio, testa pesante, occhi doloranti
>che
>>> dopo
>>> tutti gli accertamenti clinici, un gnatologo mi ha detto che dipendono
>da
>>> una
>>> malocclusione dentale. percio' mi hanno messo un ortotico che porto
>>> sempre, sto
>>> prendendo delle gocce per alleviare i dolori al collo(perche' il medico
>>> dice
>>> che e' il collo che mi provoca questi distirbi in seguito al probl.
>>> mandibol.) .
>>> Sono passati gia' parecchi mesi, i sintomi si sono alleviati solo da
>>> quando
>>> prendo le gocce, ma ho sempre testa pesante, dolori al collo e capogiri.
>>>>
Avevo pensato di andare dal dottor turchetti, ma qua si dice che e' un ciarlatano!
come faccio a contattare il centro in svizzera?e andare da qui da un buon dottore?
Grazie
>>>

 
Messaggi: 1
Iscritto il: giovedì 19 novembre 2009, 19:54

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania - nuovi sviluppi

da admin » giovedì 19 novembre 2009, 20:44

per la malocclusione cerca "bionator" è la soluzione piu avanzata veloce ed economica per risolvere la malocclusione.
per quanto riguarda il trattamento all'atlante, Turchetti è da sconsigliare, con i soldi che chiede ti paghi il viaggio in svizzera e risparmi ancora, senza contare il fatto che non è veramente in grado di eseguire il trattamento come molti hanno riferito.
un altra possibilità è quella del trattamento atlasprofilax che è simile ma fatto in modo molto piu sbrigativo (spesso solo 10 minuti) e non sempre risolutivo a causa di errori nella teoria del trattamento e la superficialità di molti terapisti che lo eseguono. vedi anche qui: paragone Atlasprofilax.
Se hai fortuna e se il tuo caso non è un "caso difficile" puoi avere benefici anche con atlasprofilax. puoi eventualmente provare con quello e se non hai benefici andare poi in svizzera.
in ogni modo il metodo di correzione dell'atlante è una delle cose piu potenti che puoi fare per la tua salute il resto dei trattamenti per certi tipi di problemi è preistoria a confronto.
andare da un dottore che non conosce il metodo e non sa eseguirlo non serve a molto. con altri metodi non è infatti possibile correggere il problema all'atlante (anche se molti affermano il contrario). i risultati sono quelli che fanno la differenza! con altri metodi non è possibile ottenere risultati che si ottengono con la correzione dell'atlante fatta nel dovuto modo.
Alla fine sta a te decidere cosa è meglio per te! io ti ho fornito i dati da me conosciuti.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano (Aldous Huxley)

Molte persone devono la loro vita alle medicine, per esempio i farmacisti!

Soffri di vertigini, cefalea muscolo-tensiva o emicrania?
Avatar utente
Site Admin
 
Messaggi: 616
Iscritto il: giovedì 20 dicembre 2007, 9:40

Malocclusione, cervicale ed emicrania, circa un anno dopo

da stefmar1966 » venerdì 9 luglio 2010, 23:22

E' passato circa un anno da quando mi sono recato dal dentista consigliatomi dalla terapista presso la quale avevo fatto dei trattamenti per la postura e la cervicale, dopo essere stato dal dott. Lerro.
Il dentista mi ha fatto fare una serie di radiografie e tac dal bacino in su e con un software ha misurato le differenze nella postura che avevo mettendo o togliendo il bite. Ho potuto notare chiaramente come il bite influisca sulla postura. Il dentista mi ha fatto vedere che il bite, così come l'aveva modellato il vecchio dentista era addirittura dannoso per me. Ma questo lo sapevo già, visto l'aumento delle mie crisi emicraniche (in intensità e frequenza) a cui andavo incontro ogni volta che il vecchio dentista mi faceva rimettere il bite.
Il nuovo dentista ha fatto una serie di rilevazioni sul bite vecchio e lo ha notevolmente modificato. In particolare, ha fatto in modo che con il bite in bocca ora si verifica un contatto tra i molari e premolari superiori e inferiori che prima non accadeva. Poi ha fatto in modo che il bite costringa l'arretramento della dentatura dell'arcata superiore, tramite una diversa collocazione della mandibola. Questa nuova posizione ha liberato il movimento di apertura e chiusura della mandibola, liberando l'attrito osseo sui condili.
Per la prima volta, il bite modificato non mi ha dato problemi. Anzi, col passare del tempo, ha liberato le tensioni sulla cervicale e sempre più ridotto i problemi di malocclusione. Il dentista all'inizio mi chiarisce subito che ci vuole tempo affinchè il corpo prenda memoria del nuovo assetto (giusto) dato dal bite e che c'è bisogno di frequenti piccolissimi riadattamenti del bite, man mano che il corpo assume nuovi equilibri (si vede bene dai test fotografici come la colonna vertebrale assume una nuovo forma). Pertanto, nei primi tempi dopo l'utilizzo del nuovo bite, ogni settimana devo andare dal dentista per un controllo e tutte le volte lui lo modifica di pochissimo e me lo riconsegna. I sintomi emicranici hanno cominciato a diminuire, ad essere meno frequenti e forti. Ma, visto che il bite deve essere modificato spesso, i primi tempi vado incontro a periodi con meno emicranie e periodi con più attacchi. E quando mi accorgo che le crisi si intensificano, vado da lui, che, in pochi minuti, mi riadatta il bite (ogni volta, infatti riscontra un disallinemento del bite rispetto alla misurazione precedente, perché il corpo assume nuovi equilibri; le crisi emicraniche in aumento sono dovute al leggero disallineamento del bite, ma si riducono non appena il dentista mi rimette il bite allineato. Il test sulla corretta posizione del bite viene eseguito dal dentista in pochi minuti. Mi fa mettere il bite, poi io chiudo la bocca e faccio toccare la dentatura superiore con quella inferiore. Il dentista mi fa allargare le braccia e poi esercita una pressione su di esse (a volte tutte e due contemporanemente, a volte una per volta). Se non riesco a tenere il braccio alzato e non resisto alla pressione, vuol dire che il bite, dalla parte in cui ho ceduto, è da correggere. Il dentista mi fa eseguire anche una prova di battitura di denti con il bite in bocca, interponendo tra quelli superiori e inferiori due sottili strisce di carta colorata. Anche con questo semplice test di pochi secondi, il dentista può avere la riconferma delle correzioni da apportare al bite. Infatti, le due striscette di carta (una nella dentatura a sinistra, l'altra a sinistra) evidenziano una diversa pressione dei denti (ossia del bite). Col tempo le correzioni del bite si sono rese necessarie sempre meno frequentemente. Diventano più frequenti immediatamente dopo il trattamento mensile della terapista, perchè le pressioni esercitate da lei sui muscoli del collo e della schiena producono dei nuovi equilibri del corpo.
L'obiettivo finale è quello di rendere sempre meno frequenti le correzioni del bite, man mano che il corpo assume un nuovo assetto (quello corretto) e "prende memoria" di quell'assetto, cioè lo fissa sempre di più e lo rende stabile. Ancora oggi vado una o due volte al mese a fare queste piccole correzioni, comunque con meno frequenza rispetto ai primi mesi dopo che ho iniziato a usare questo bite, cmq solo di notte. In ogni caso, queste piccole calibrature del byte non le pago.
Ciò che posso notare è che gli schiocchi alla mandibola sono scomparsi (me ne può venire uno solo se sbadiglio a bocca completamente spalancata), l'apertura della bocca è normale e costante, non subisce più cambiamenti. Le tensioni cervicali non le ho più e, nel complesso, tutta la corporatura è molto più rilassata. Certo, di emicrania ne soffro sempre abbastanza, ma molto meno di prima: Devo comunque precisare che le cause delle mie emicranie sono varie, per cui la terapia del bite ha una funzione importante ma comunque parziale. Per questo sono anche in cura da un neurologo e anche lui, per fortuna, è riuscito a contribuire, credo, ad una riduzione dei miei attacchi.
Mi sembra tuttora incredibile che il corretto allineamento della mandibola e il contatto tra i molari renda possibile un alleggerimento o scomparsa totale delle tensioni alla cervicale e alle altre vertebre. Però, l'esperienza che sto vivendo lo conferma. Ancora oggi, però, voglio ringraziare il dott. Lerro, che mi ha fatto quel trattamento all'atlante, da cui, credo, doveva cominciare tutto questo percorso. E poi, mi ha fatto capire tante cose sulla postura e le tensioni cervicali.

 
Messaggi: 3
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 15:10
Località: Roma

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania

da jasin » venerdì 20 dicembre 2013, 15:51

I sintomi neurologici che caratterizzano l'aura sono:
• scotomi scintillanti
• stato confusionale di vario grado
In forma più grave possono comparire anche questi sintomi:
perdita delle forze di varia entità /disturbi di fotofobia /disturbi del linguaggio /altri disturbi neurologici
Di solito l'attacco di emicrania sarà dalla parte opposta al lato dove si vede lo scotoma scintillante .
Se l'aura investe l'emisfero dominante vi possono essere manifestazioni fasiche, termine che descrive l'incapacità da parte del soggetto di produrre linguaggio verbale corrispondente alla sua volontà. In particolare, l'afasia che si osserva nell'emicrania è di tipo espressivo; questo significa che il soggetto è consapevole del proprio deficit, è in grado di comprendere ordini semplici e complessi, ma non ha un eloquio fluente. Il reperimento dei vocaboli è alterato ed è spesso presente una parafasia fonemica, locuzione che identifica la trasposizione, l'alterazione, la delezione o la ripetizione di fonemi all'interno della stessa parola. Ad esempio il soggetto dice "pomerte on piccaire d'acquo" al posto di "portami un bicchiere d'acqua".
L'aura può perciò essere definita come una disfunzione focale completamente reversibile e che può essere:
Con deficit visivo /Con deficit sensitivo /Con deficit fasico/Con deficit stenico

 
Messaggi: 1
Iscritto il: giovedì 19 dicembre 2013, 22:25

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania

da Marionani » giovedì 5 febbraio 2015, 17:48

Io raccomando Iplikator, é un tappeto agopressione, tipo letto da fachiro. Fa veramente bene per il dolore al collo. Stimola la circolazione, rilassa i muscoli, aiuta veramente.
Buona Fortuna

(Cercare Iplikator a Google

 
Messaggi: 1
Iscritto il: giovedì 5 febbraio 2015, 17:45

Re: Malocclusione, cervicale ed emicrania

da nina » sabato 5 settembre 2015, 15:26

stefmar1966, potresti dirmi il nome del dentista che ti ha consigliato la tua terapista, con il quale stai lavorando sul bite, e aggiornarmi sui miglioramenti che hai riscontrato dopo il tuo ultimo post!? grazie mille :)

 
Messaggi: 1
Iscritto il: sabato 5 settembre 2015, 15:11

Precedente



Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite
cron